Le domeniche d’inverno sono sempre le piú difficili: dopo una settimana passata ad alzarsi presto, correre e cercare di fare in fretta l’idea di rimanere tutto il giorno sdraiata nel letto con la copertina calda e un buon the é alquanto allettante.

Io purtroppo peró a stare ferma in casa un intero giorno proprio non sono capace: ho preso tutto il calore che vi era nella nostra casa e armata di k-wey e scarpe anti-pioggia, ricordatevi che a Melbourne ci sono tutte le quattro stagioni solamente in un giorno, ho deciso di uscire per vedere che cosa aveva da offrirmi questa domenica a Melbourne.

Devo ammettere che dalla finestra della nostra stanza le nuvole sembravamo molto piú minacciose e nere, ma solo dopo aver preso l’ascensore ed essere scesa al piano terra mi sono resa conto del vento fortissimo che sembrava incoraggiarmi a tornare su al caldo.

Mi metto a camminare in direzione Flinders Lane, via principale nel cuore di Melbourne, il CBD, nella quale da qualche settimana mi sto dedicando all’attivitá dello Yoga: devo essere onesta, sono sempre stata una persona molto piú da divano che da tipa sportiva pronta ad andare a correre la domenica mattina alle sette, ma da quando la mia collega ed amica Corinna me ne ha parlato non sono piú riuscita a togliermi il pensiero dalla mente. Dopo quasi due settimane di yoga vi posso assicurare con tutta me stessa che credo che il famigerato momento di totale relax arrivi dopo molto tempo.

Al momento per me mentre sto frequentando la classe trovo abbastanza difficile concentrarmi sul respiro e sulla tranquillitá totale, poiché la mia mente si concentra solamente su come cavolo fare a portare la gamba sinistra piegata, con il piede a martello verso il cielo e il braccio destro teso in torsione verso l’esterno – mi raccomando, il tutto va fatto contemporaneamente-.

Non ho nessun dubbio sul fatto che dopo mesi di pratica si guadagni una non indifferente flessibilitá ed elasticitá, ma al momento vi posso assicurare che la torre di Pisa dimostra molta piú stabilitá di me.

Per il momento ho trovato questa scuola di Yoga, sempre consigliata da Corinna, in pieno centro. Il suo nome é Move Yoga, e l’ambiente caldo e accogliente vi assicuro che vi aiuterá a sciogliere i nervi tanto tesi da una settimana frenetica.

Dopo la mia lezione di yoga domenicale, dove naturalmente ho accidentalmente urtato – di nuovo- il mio vicino di materissimo, possiamo dare il via al pomeriggio con Dimitri.

Nonostante, come ho giá detto, la giornata non fosse delle migliori decidiamo di non abbatterci poiché sentiamo dentro di noi che qualcosa di bello sta per accadere. Prendiamo alla fermata sotto casa nostra il tram 86 in direzione Dockland: in questo momento noi viviamo nella FREE TRAM ZONE, ovvero una zona molto ampia centrale della cittá dove tutti i tram sono gratuiti. I mezzi qui in Australia funzionano perfettamente, e con mio grande stupore ci troviamo catapultati gratuitamente nel cuore di Dockland, sobborgo nel west di Melbourne grande come due volte il cuore della cittá.

Il centro pulsante di Dockland scopriamo con piacere essere il THE DISTRICT, centro commerciale molto rinomato. Questo paradiso dello shopping é diverso da quelli che abbiamo visto in precedenza, ricorda molto gli outlet italiani, poiché é come la via di una cittá piena di casette ai lati che in realtá sono negozi. Da H&M a Kathmandu, il centro offre anche la possibilitá di svolgere delle attivitá piu’ interessanti come Dialogue in the Dark o un bellissimo giro sulla Melbourne Star Observatory Wheel.

thumbnail
Melbourne Star Observatory Wheel

Questa domenica abbiamo deciso di optare per la seconda attrazione certi che non mancheremo di provare anche le altre.

La Melbourne Star Observatory Wheel é una ruota panoramica gigante di 120 metri di altezza che regalano 40 km di vista in ogni direzione. Le sette braccia meccaniche, che ricordano le sette stelle della bandiera australiana, regalano un viaggio di trenta minuti con uno spettacolo da togliere il fiato.

thumbnail (2)

I 360 gradi di vista no-stop permettono di vedere Port Philip Bay e la Mornington Peninsula, spiagge molto famose che circondano Melbourne, e non di minore importanza: la finestra della nostra camera!

thumbnail (1)
Ecco la vista dal punto piu’ alto!

Dopo un giro di trenta minuti ( in cui abbiamo visto che anche dei posticini super carini dove mangiare) decidiamo di dedicarci all’unica attivitá possibile da fare in una domenica sera di pioggia… andare al cinema!

Dopo settimane che ne sentivamo parlare decidiamo di provare il cinema IMAX a Carlton, sobborgo a nord di Melbourne super famoso per la sua ampia popolazione italiana residente. Questo cinema ha la particolaritá di avere lo schermo piú grande al mondo, potevamo farcelo sfuggire?

thumbnail (4)
IMAX-Melbourne

Noi partivano giá avvantaggiati poiché avevamo scelto un film incredibile: THE INCREDIBLES 2. Non voglio raccontarvi troppi dettagli per non rovinarvi il film, ma l’esperienza al cinema é stata davvero strepitosa. La parte piú complicata é stata sicuramente l’inizio: lo schermo era cosí immenso che non sapevo in quale direzione guardare, ma dopo l’inizio del film ci siamo sentiti cosí immersi nell’esperienza che ci siamo anche dimenticati di essere in un cinema.

Con la pancia piena di poc-corn e di coca cola dopo il film ci incamminiamo verso il tram. Mentre sto buttando una carte nel bidone a lato della strada Dimitri si accorge che nel cestino ci sono due occhietti gialli che ci guardano. Iniziamo a guardarci con piú attenzione intorno e ci accorgiamo che ci sono occhietti che ci guardano da ogni direzione; tutto il parco era pieno di lemuri!

Avete presente i simpatici animaletti di Madagascar che cantano “Mi piace se ti muovi, mi piace quel che muovi e allora…. MUOVI” ( tanto lo so che ve la state canticchiando dentro la vostra testa)? Ecco, in questa serata di luglio ci siamo trovati nel pieno del film con un sacco di animaletti che muovevano la loro coroncina in testa a ritmo di musica. Devo ammettere che io ero un pochino intimorita dalla loro presenza, Dimitri al contrario ha cercato di fare di tutto per prenderne uno e portalo a casa come nuovo animaletto domestico… Tranquilli, per fortuna non ci é riuscito!

King-julien
King Julien, il nuovo migliore amico di Dimitri 🙂

 

Eli

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: